CISO - Centro Italiano Studi Ornitologici
LIPU - Lega Italiana Protezione Uccelli
EBN Italia
fr
de
it
en
Visitatore Anonimo  
Pagina iniziale ornitho.it
 
Le Associazioni di ornitho.it
 
Sponsor
Consultare
  Le osservazioni
    - 
Fotografie e suoni
     Dati e analisi
       - 
Sula 2016
       - 
Rondine montana 16-17
       - 
Geco comune 2016
       - 
Luì forestiero 16-17
       - 
Gru 2016
       - 
Storno 2016
       - 
Volpe 2016
       - 
Scoiattolo comune europeo 2016
       - 
Scoiattolo grigio 15-17
       - 
Ciuffolotto trombettiere (ssp.) 16-17
       - 
Averla maggiore 2016
       - 
Vanessa atalanta 16-17
       - 
Vanessa atalanta 15-17
       - 
Anacridium aegyptium 2016
       - 
Istrice 14-17
       - 
Cimice asiatica 16-17
       - 
Nutria 15-17
       - 
Zigolo golarossa 15-17
Informazioni
 - 
Leggere le ultime novità
  Aiuto
    - 
Regole di ornitho.it
    - 
Deontologia di SHI (Anfibi e Rettili)
    - 
Deontologia di Odonata.it (Libellule)
    - 
Organigramma di Ornitho.it
    - 
Specie a pubblicazione limitata
    - 
Spiegazione dei simboli
    - 
Le domande più frequenti
  Statistiche
Atlante
 - 
Metodi Atlante
 - 
Calcolo Effemeridi
Leggere le ultime novità
pagina :
 
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
>
>|
no./pag. :
nro : 177
 
mercoledì 30 novembre 2016
tipnews
Eterotteri
Attenti alla Cimice asiatica (o marmorizzata) Halyomorpha halys

La Cimice asiatica (Halyomorpha halys) è un nuovo insetto alieno introdotto in Italia dal 2012 e diffuso anche in altri paesi europei. Conoscere la sua distribuzione è essenziale per poterlo contrastare. È polifago e danneggia frutta (pesche, mele, pere…), ortaggi (peperoni, pomodori, melanzane…), altre colture (soia, mais…) e piante ornamentali e spontanee. In primavera-estate si nutre e riproduce sulla vegetazione, mentre in autunno, la Cimice asiatica si rifugia all'interno di edifici (case, capanni, magazzini ecc.) dove passa l’inverno. Qui può quindi essere facilmente osservata e quantificata. Anche le segnalazioni negative possono essere importanti.

Vi invitiamo a segnalare questa specie aliena che si sta espandendo velocemente in Italia.

La specie si identifica facilmente se si osservano alcuni dettagli illustrati nell'immagine allegata.

Per poter essere riconosciuta la segnalazione deve essere assolutamente accompagnata da una fotografia. 

 

Grazie per la collaborazione.

Il GdC di ornitho.it e Lara Maistrello

Lara Maistrello, PhD
Entomology Researcher qualified as Associate Professor
Department of Life Sciences
Interdipartimental Centre BIOGEST-SITEIA
University of Modena and Reggio Emilia
Area San Lazzaro, Pad. Besta
Via G. Amendola 2, 42122 Reggio Emilia

inviato da Roberto Lardelli
 
martedì 22 novembre 2016
technews
Manutenzione e aggiornamento della piattaforma

In questo periodo vengono effettuati alcuni importanti lavori di aggiornamento di tutte le piattaforme ornitho. Procede tutto secondo programma ma domenica scorsa si è verificato un problema con la "Consultazione a più criteri" che non accettava la forma standard Data->Luogo->Specie. La soluzione del problema domanderà un po' di lavoro che non potrà essere eseguito subito..

Biolovision ha deciso di sospendere per il momento le diverse opzioni di ricerca e di mantenere attiva solo la forma standard Data->Luogo->Specie. Ci spiace per l'inconveniente e vi ringraziamo per la comprensione.

inviato da Roberto Lardelli
 
martedì 15 novembre 2016
avinews
Dieci milioni di dati ! Grazie a tutti !

Questa sera è stata raggiunta la soglia dei 10 milioni di segnalazioni in ornitho.it, un traguardo inimmaginabile quando nel febbraio 2009  il portale è stato attivato in Italia.

Un grande grazie vada a tutti coloro che ci hanno creduto e stanno partecipando attivamente a questo progetto.

 

Roberto Lardelli e il team di ornitho.it

inviato da Roberto Lardelli
 
domenica 6 novembre 2016
technews
Uccelli
Controlliamo regolarmente i nostri dati ! Attenzione anche ai triangolini !

L'esperienza ci mostra che un errore di battitura può capitare e passare a lungo inosservato. Per questa ragione è necessario riguardare i dati con regolarità. Lo possiamo fare ad esempio ogni mese utilizzando la consultazione con criteri incrociati sulle segnalazioni del mese precedente, selezionando tutte le specie e tutte le località formattando il risultato sotto forma di lista di specie. Questo procedimento permette in primo luogo di controllare se le specie della lista sono le medesime di quelle osservate il mese precedente. Successivamente, cliccando sul simbolo "taccuino" a sinistra di ogni specie, potete ottenere la lista delle vostre osservazioni di questa specie durante il periodo selezionato, per un controllo più preciso. Per un'ulteriore verifica possiamo poi esportare i dati in formato Google Earth e metterli sulla carta d'Italia per verificare se non ci sono localizzazioni errate.

I dati contrassegnati con un (?) blu o giallo sono sottoposti a verifica e dobbiamo fornire ulteriori dettagli ai validatori provinciali o regionali. I dati così marcati NON possono entrare in archivio e non potranno essere utilizzati fino a verifica ultimata !

I dati marcati con un triangolo giallo e rosso (dati COI) o bianco e rosso (dati GSR) necessitano di uno sforzo ulteriore da parte nostra. È necessario cliccare sul triangolo e seguire le istruzioni

Due speciali gruppi, la Commissione ornitologia Italiana (COI) e il Gruppo specie rare (GSR), devono verificare se le segnalazioni sono corrette oppure no sulla base dell'ulteriore documentazione che forniremo. Compiliamo quindi le schede aggiungendo fotografie e suoni e inviamo al segretario di COI e GSR. Senza questo passaggio le segnalazioni rimangono bloccate anche se non sono marcate con il punto blu o giallo.

Quando le segnalazioni sono convalidate compare un visto verde a destra del triangolino.

 

Grazie per l'attenzione.

Il team di ornitho.it

inviato da Roberto Lardelli
 
mercoledì 5 ottobre 2016
avinews
Farfalle diurne
Invito a segnalare i vostri avvistamenti di Atalanta marcate a colore

Stiamo studiando l'ecologia del movimento dell’Atalanta in Europa. Come parte di questo progetto abbiamo marcato a colori 7000 individui di Atalanta tra il 29 e il 30 settembre nel Sud-Ovest della Svizzera. Le Atalanta sono state catturate mentre attraversavano le Alpi Svizzere dirigendosi verso delle aree del Mediterraneo.

Per scoprire di più sulla direzione del volo, le distanze coperte e il tempo speso a migrare, abbiamo bisogno del vostro aiuto: segnalate ogni avvistamento di Atalanta marcata a colore a tagging@gmx.ch

Quando segnalate un'Atalanta marcata, indicate dove e quando l'avete osservata, e indicate il codice colore su entrambe le ali (cercate di fare una foto).

Potete trovare più informazioni sul progetto di marcatura qui.

Seguiteci su FacebookTwitter in modo da avere aggiornamenti e novità sul progetto e su argomenti in relazione con la migrazione degli insetti.

Questo esperimento di marcatura è stato condotto in collaborazione con Lepido.ch.

Marco Thoma & Myles Menz - Gruppo di ricerca «Migrazione ed ecologia degli insetti» dell'università di Berna

Michel Baudraz, Vincent Baudraz & Antoine Gander - www.lepido.ch

inviato da Roberto Lardelli
 
mercoledì 13 luglio 2016
atlasnews
Rettili
Una nuova specie di vipera descritta in Italia
Una nuova specie di serpente è stata appena descritta per l'Italia è la vipera dei Walser nuovo endemismo del Piemonte.
Da oggi le segnalazioni di "marasso" per le province di Biella, Vercelli e Verbania dovranno essere indicate come "vipera dei Walser".
 
Per chi desidera saperne di più rimando all'articolo con la descrizione della specie: "A new vertebrate for Europe: the discovery of a range-restricted relict viper in  the western Italian Alps" pubblicato sul  J Zool Syst Evol Res (2016) 54(3), 161--173. 
 
 
 
Commissione atlante SHI

inviato da Roberto Lardelli
 
domenica 5 giugno 2016
atlasnews
Uccelli
Ultimi dieci giorni a disposizione per ultimare il secondo PERCORSO 1km/30min

Il 15 giugno scade il tempo per ultimare il SECONDO PERCORSO (1km/30min) nelle celle prioritarie delle particelle prioritarie Atlante nelle zone di bassa e media altitudine.

Nelle regioni in altitudine, in particolare al di sopra del limite della vegetazione arborea, i rilievi possono essere effettuati fino a luglio inoltrato.

 

Grazie per la collaborazione

 

il team ornitho.it

inviato da Roberto Lardelli
 
mercoledì 27 aprile 2016
atlasnews
Farfalle diurne
La prima farfalla diurna su ornitho: Vanessa atalanta. Un progetto continentale.

Il GdC di ornitho.it ha ricevuto un invito a collaborare ad un progetto sulla migrazione della Vanessa atalanta (Ropaloceri).

Nel quadro del progetto sul comportamento migratoro dell'Atalanta Vanessa atalanta in Europa, il gruppo di ricerca «Migrazione e Ecologia degli insetti» dell'istituto di ecologia e evoluzione dell'università di Berna (coordinatore Marco Thoma) chiede l'aiuto di tutti ed invita a comunicare l'avvistamento della Vanessa atalanta tramite www.ornitho.it.

Questa è una farfalla migratrice che ogni anno colonizza l'Europa Centro-settentrionale arrivando da sud. In autunno la discendenza di questi arrivi primaverili migra di nuovo verso sud. L'aumento della copertura territoriale fornito dalle piattaforme online come ornitho.it permette di seguire la migrazione della Vanessa atalanta con un'alta risoluzione spazio-temporale. Questa ricerca intende seguire e analizzare la migrazione di questa specie su scala continentale tra il 2016 e il 2018. 

Le segnalazioni, che devono essere corredate da una fotografia che confermi l'esatta determinazione, devono riportare nelle note una indicazione numerica sugli individui osservati in migrazione attiva durante un preciso intervallo temporale, ad esempio sui passi alpini. Anche le indicazioni sull'intero territorio italiano dovrebbero essere effettuate con la medesima modalità (esempio: 5 individui in volo VERSO NordOvest).

Grazie per la collaborazione

 

Il GdC di ornitho.it

inviato da Roberto Lardelli
 
mercoledì 13 aprile 2016
atlasnews
Uccelli
Il rilancio del Progetto ADAPT
Primavera: tra le altre cose, riparte anche il Progetto ADAPT (Avian Distribution in the Alps: Perspectives and Threats. Distribuzione dell’avifauna nidificante nelle Alpi: Prospettive e minacce)! Ricordiamo che è un progetto dedicato allo studio dei fattori che influenzano la distribuzione delle specie ornitiche nidificanti sulle Alpi e dei possibili effetti dei cambiamenti climatici ed ambientali.

Dopo l'esordio positivo nel 2015, auspichiamo che quest'anno possano essere raccolti ancora più dati precisi, utili per la comprensione dell'ecologia delle varie specie. 
Partecipare è facilissimo: è sufficiente inserire le proprie osservazioni alla risoluzione spaziale richiesta, a seconda delle specie, sia attraverso il portale web che attraverso l'app tramite il proprio smartphone. Si può così contribuire ad una miglior conoscenza della distribuzione delle specie nidificanti nelle Alpi in relazione ai gradienti ambientali e climatici che caratterizzano l’intera catena montuosa.
[•••Nell'immagine allegata, un esempio dei possibili output ottenibili grazie alla raccolta dati precisa: la distribuzione potenziale attuale e futura (in base al cambiamento climatico, considerando uno scenario 'estremo') del fringuello alpino, una delle specie più minacciate dal cambiamento climatico, in Trentino e Lombardia•••SOLO SE METTE IMMAGINE]

Chi desidera partecipare è invitato a leggere la descrizione del progetto (documento allegato) per conoscere quali sono le specie per le quali è importante registrare con precisione la posizione dei soggetti osservati.

INDICARE LA PROPRIA DISPONIBILITÀ NELLA PAGINA DI PERSONALIZZAZIONE DEL SITO (http://www.ornitho.it/index.php?m_id=27).

Museo delle Scienze Sezione di Zoologia dei Vertebrati

Paolo Pedrini, Mattia Brambilla & Giacomo Assandri

inviato da Roberto Lardelli
 
giovedì 24 marzo 2016
atlasnews
Uccelli
Transetti per l'Atlante europeo EBBA2

La primavera è ormai iniziata e molte specie hanno già cominciato a riprodursi: si apre quindi una nuova stagione utile per l'Atlante dei nidificanti. Il GdC ha ritenuto infatti opportuno prolungare la raccolta dati per migliorare ulteriormente la copertura del territorio nazionale e contribuire in maniera significativa all'Altante Europeo http://www.ebba2.info/

Per molte specie il quadro distributivo ad oggi ottenuto è soddisfacente e sufficiente per delineare i cambiamenti distributivi rispetto al precedente atlante. Tuttavia, questa nuova edizione prevede anche la raccolta di dati quantitativi, mediante una procedura standardizzata, indispensabile per poter elaborare modelli distributivi a grande scala geografica.

Vi chiediamo di fare il possibile soprattutto per completare e far completare il campione di transetti (1km/30 minuti di percorrenza) nelle celle prioritarie delle particelle prioritarie (almeno quelle rosse) dello schema nazionale, vedi metodi Atlante (link).

Lo stesso identico transetto va visitato due volte nella stessa stagione riproduttiva: prima visita 1.4-30.4; secondo visita 15.5-15.6 (in montagna anche oltre questo periodo). Il transetto ripetuto è uno degli aspetti più qualificanti dell’Atlante italiano, che ha spinto l’EBCC a prendere l'Italia a modello.

I nuovi atlanti nazionale ed europeo costituiranno per i prossimi anni un punto di riferimento fondamentale per la conservazione e la conoscenza degli uccelli e del nostro patrimonio naturale. E' quindi il momento per chi ha già partecipato per fare ancora uno sforzo e per chi si è finora tenuto in disparte di scendere in campo! Con un po' d'impegno è possibile mettere a disposizione le proprie conoscenze in abito ornitologico per contribuire a delle opere veramente significative.

Grazie allora per l’aiuto che potrete dare anche alle regioni in difficoltà e ovviamente a tutti quei gruppi regionali/provinciali ed ai singoli volontari che che hanno quasi completato l'opera nel territorio di loro competenza.

Buona primavera

Il GdC di ornitho.it

Documento da scaricare :  TRANSETTI_percorsi_e_da_fare-9948.pdf
inviato da Roberto Lardelli
pagina :
 
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
>
>|
no./pag. :
nro : 177
 
Biolovision Sàrl (Switzerland), 2003-2017